Controlli sulle Imprese


Nome Descrizione Riferimenti normativi
segnalazione certificata inizio attività di deratizzazione sanificazione e disinfestazione della provincia di Macerata L'avvio dell'attività è subordinato al possesso di requisiti professionale ed alla nomina del responsabile tecnico che vengono autocertificati con la presentazione di una segnalazione certificata di inizio attività L. 25/01/1984 N. 82 - DPR 14/12/1989 N. 558 - ART. 2 D.M. 274/997 ART. 22 DEL DLGS 112/1998 - ART. 49 DEL D.L. 70/2010
segnalazione certificata inizio attività di deratizzazione sanificazione e disinfestazione della provincia di Pesaro e Urbino L'avvio dell'attività è subordinato al possesso di requisiti professionale ed alla nomina del responsabile tecnico che vengono autocertificati con la presentazione di una segnalazione certificata di inizio attività L. 25/01/1984 N. 82 - DPR 14/12/1989 N. 558 - ART. 2 D.M. 274/997 ART. 22 DEL DLGS 112/1998 - ART. 49 DEL D.L. 70/2010
segnalazione certificata inizio attività di derattizzazione sanificazione e disinfestazione della provincia di Ascoli Piceno L'avvio dell'attività di derattizzazione sanificazione e disinfestazione è subordinato al possesso di requisiti professionale ed alla nomina del responsabile tecnico che vengono autocertificati con la presentazione di una segnalazione certificata di inizio attività L. 25/01/1984 N. 82 - DPR 14/12/1989 N. 558 - ART. 2 D.M. 274/997 ART. 22 DEL DLGS 112/1998 - ART. 49 DEL D.L. 70/2010
segnalazione certificata inizio attività di derattizzazione sanificazione e disinfestazione della provincia di Fermo L'avvio dell'attività di derattizzazione sanificazione e disinfestazione è subordinato al possesso di requisiti professionale ed alla nomina del responsabile tecnico che vengono autocertificati con la presentazione di una segnalazione certificata di inizio attività L. 25/01/1984 N. 82 - DPR 14/12/1989 N. 558 - ART. 2 D.M. 274/997 ART. 22 DEL DLGS 112/1998 - ART. 49 DEL D.L. 70/2010
Sisma 2016 Potenziamento temporaneo dei servizi di TPL Misure urgenti per la mobilità a favore delle popolazioni colpite dal sisma 2016 OCDPC nn. 418/2016 e 432/2017
Sisma Marche 2016 - OCDPC n. 388-394/2016. Misure provvisionali eseguite in somma urgenza in amministrazione diretta - Impegno e liquidazione corrispettivi ospitalità sfollati alle strutture ricettive ospitanti Presa in carico fatture elettroniche o ricevute fiscali strutture ricettive ospitanti/Verifica rendicontazioni piattaforma CohesionWorkPA/Verifica autodichiarazioni prestazioni rese/Verifica requisiti soggettivi, ecc./Acquisizione attestazioni finanziarie/Predisposizione decreti/richieste emissione mandato/aggiornamento dati CohesionWork/Pa O.C.D.P.C nn 388-394/2016
Sito di Interesse Nazionale (SIN) "Falconara Marittima" - Attuazione punto A5 dell'Accordo di Programma stipulato il 20 luglio 2010 tra Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM), Regione Marche, Provincia di Ancona, Comune di Falconara Marittima e Autorità Portuale di Ancona - Liquidazione spese appalto di lavori Responsabile unico del procedimento per appalto di lavori di rimozione ceneri di pirite su sito inquinato incluso nel SIN di Falconara Marittima- Liquidazione spese Accordo di Programma con MATTM e altri del 20/07/2010; D.Lgs. n.163/2006 e ss.mm.ii.
SOPRAELEVAZIONE Rilascio della certificazione preventiva per la sopraelevazione degli edifici situati nelle zone sismiche. art. 90 comma 2 D.P.R. 380/01
Sopraelevazione in zona sismica Procedimento di rilascio della certificazione preventiva per la sopraelevazione degli edifici situati nelle zone sismiche. Nei casi di sopraelevazione di edifici esistenti, il proprietario presenta la richiesta per il rilascio della relativa certificazione. Il progetto viene esaminato dal servizio e nel termine di 60 gg. dalla presentazione viene rilasciato con provvedimento a firma del Dirigente la certificazione alla sopraelevazione. Il termine sopra citato può essere sospeso per la richiesta di integrazioni e chiarimenti. Art. 90 comma 2° D.P.R. 380/2001
Sopraelevazione in zona sismica Procedimento di rilascio della certificazione preventiva per la sopraelevazione degli edifici situati nelle zone sismiche. Nei casi di sopraelevazione di edifici esistenti, il proprietario presenta la richiesta per il rilascio della relativa certificazione. Il progetto viene esaminato dal servizio e nel termine di 60 gg. dalla presentazione viene rilasciato con provvedimento a firma del Dirigente la certificazione alla sopraelevazione. Il termine sopra citato può essere sospeso per la richiesta di integrazioni e chiarimenti. Art. 90 comma 2° D.P.R. 380/2001
Sopraelevazione in zona sismica Procedimento di rilascio della certificazione preventiva per la sopraelevazione degli edifici situati nelle zone sismiche. Nei casi di sopraelevazione di edifici esistenti, il proprietario presenta la richiesta per il rilascio della relativa certificazione. Il progetto viene esaminato dal servizio e nel termine di 60 gg. dalla presentazione viene rilasciato con provvedimento a firma del Dirigente la certificazione alla sopraelevazione. Il termine sopra citato può essere sospeso per la richiesta di integrazioni e chiarimenti. Art. 90 comma 2° D.P.R. 380/2001
Sopraelevazione in zona sismica Procedimento di rilascio della certificazione preventiva per la sopraelevazione degli edifici situati nelle zone sismiche. Nei casi di sopraelevazione di edifici esistenti, il proprietario presenta la richiesta per il rilascio della relativa certificazione. Il progetto viene esaminato dal servizio e nel termine di 60 gg. dalla presentazione viene rilasciato con provvedimento a firma del Dirigente la certificazione alla sopraelevazione. Il termine sopra citato può essere sospeso per la richiesta di integrazioni e chiarimenti. Art. 90 comma 2° D.P.R. 380/2001
SORVEGLIANZA POLIZIA IDRAULICA Autorizzazioni allo scarico di acque bianche in corsi d'acqua pubblici - Autorizzazioni idrauliche per opere da eseguire nell'ambito del demanio idrico e delle pertinenze idrauliche - Pareri per demanializzazione e/o sdemanializzazione di aree di pertinenza dei corsi d'acqua - Polizia idraulica di repressione violazioni in materia di demanio idrico. R.D. 523/1904 - L.R. 5/2006
Sostegno allo Start-up, allo sviluppo e alla continuità di impresa nelle aree di crisi produttiva L'obiettivo è quello di contribuire allo sviluppo occupazionale e produttivo nelle aree territoriali nella regione colpita da crisi diffusa delle attività produttive, attraverso un progetto complessivo di rilancio di queste zone. DDPF N. 59/ACF DEL 31/05/2016 (bando) DDPF N. 78/ACF DEL 13/07/2016 (modifiche ed integrazioni al bando)
Sovvenzioni per il tasso agevolato rivolti agli investimenti di sviluppo industriale delle società cooperative. Accesso al Fondo di rotazione per la promozione e lo sviluppo attraverso progetti di investimenti industriali presentati dalle società cooperative. L.49/85 Titolo I° , legge Marcora.
TAGLIO DEI BOSCHI D'ALTO FUSTO/CEDUI ED ALLARGAMENTO PISTE, DENUNCIA DI INIZIO LAVORI PER IL TAGLIO DEI SOLI BOSCHI CEDUI. Rilascio autorizzazioni per il taglio dei boschi d'alto fusto/cedui ed allargamento piste, denuncia di inizio lavori per il taglio dei soli boschi cedui. D.G.R. 2585 del 06/11/2001 allegato "C"
TAGLIO SELETTIVO ED INTERVENTI MINIMI VEGETAZIONE DEMANIO IDRICO Rilascio autorizzazioni al taglio selettivo delle essenze arboree e esecuzione di interventi minimi sulla vegetazione ricadente all'interno del demanio idrico. ex artt. 93 e seguenti del R.D. 25/07/1904 n. 523
Tassidermia ed imbalsamazione La Regione rilascia l'autorizzazione all'esercizio dell'attività di tassidermia ed imbalsamazione previo parere della commissione tecnico-venatoria di cui all'articolo 7 della L.R. 7/95 e previo accertamento della buona conoscenza della fauna e delle tecniche della tassidermia e della imbalsamazione. E' consentita l'imbalsamazione esclusivamente di esemplari appartenenti: a) alla fauna selvatica indigena oggetto di caccia, purchè catturata nel rispetto di tutte le norme venatorie vigenti; b) alla fauna esotica, purchè l'abbattimento e l'importazione o comunque l'impossessamento siano avvenuti in conformità alla legislazione vigente in materia e non si tratti di specie protette in base ad accordi internazionali; c) alla fauna domestica. All'atto della presentazione della istanza di autorizzazione, l'interessato è tenuto ad indicare tutti gli animali, vivi, mortio già preparati, a qualsiasi titolo posseduti. Il tassidermista o l'imbalsamatore deve apporre su tutti gli animali preparati o comunque consegnati al cliente o posti in circolazione un'etichetta inamovibile con l'indicazione del proprio nome, del numero di autorizzazione, della data di preparazione e del numero di riferimento del registro di cui al comma 3. L.R. 7/1995 art. 24
trasformazione terreni saldi in aree soggette a vincolo idrogeologico trasformazione terreni saldi in aree soggette a vincolo idrogeologico art. 21 Regio Decreto 1126/1926
trasformazione terreni saldi in aree soggette a vincolo idrogeologico trasformazione terreni saldi in aree soggette a vincolo idrogeologico art. 21 Regio Decreto 1126/1926

Pagina 51 di 53 per un totale di 1055 tipologie di proceidmento