Controlli sulle Imprese


Nome Descrizione Riferimenti normativi
Aziende Faunistico Venatorie e Aziende Agri Turistico Venatorie – costituzione e rinnovo – La Regione, su richiesta degli interessati e sentito l'istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, previo consenso dei proprietari o conduttori dei fondi, nei limiti della quota massima di territorio agro-silvo-pastorale stabilita all'articolo 3, comma 1, lettera b) della L.R. 7/95, autorizzano: a) la costituzione di aziende faunistico-venatorie senza fini di lucro, per prevalenti finalità naturalistiche e faunistiche, con particolare riferimento alla tipica fauna appenninica; b) la costituzione di aziende agri-turistico-venatorie, ai fini di impresa agricola. Coloro che richiedono la costituzione di aziende faunistico-venatorie debbono allegare alla domanda di autorizzazione un programma di conservazione e di ripristino ambientale. Le autorizzazioni sono concesse previo riscontro di conformità alle previsioni del piano faunistico venatorio regionale e a seguito della pubblicazione di specifici bandi. In mancanza del consenso da parte dei proprietari e dei conduttori dei fondi, la Regione può operare ai sensi dell’articolo 13, comma 2, della l.r. 7/1995. Le Aziende faunistiche e agri-turistico-venatorie hanno una durata di dieci anni, salvo rinnovo per un uguale periodo. La data di scadenza del provvedimento di autorizzazione è fissata alla fine della stagione venatoria a cui essa si riferisce. L’autorizzazione può essere rinnovata previo parere dell’Istituto nazionale per la fauna selvatica. Le Aziende agri-venatorie sono gestite ai fini di impresa agricola e non possono avere una superficie inferiore a trecento ettari né superiore a tremila ettari o, per quelle di nuova costituzione, non superiore a duemila ettari. . L.R. 5/01/1995 n. 7 art. 9 DGR n.5 del 13 luglio 2010 “Criteri ed indirizzi per la Pianificazione Faunistico-Venatoria 2010-2015 R.R. 41/95
Bando selezione soggetto gestore del Polo Enogastronomico Regionale, individuazione del sito e selezione progetto promozione e informazione per valorizzazione cultura enogastronomica regionale Concessione di contributi alle imprese finalizzato alla realizzazione Polo Enogastronomico Regionale e allo svolgimento di attività di promozione e informazione per valorizzazione cultura enogastronomica regionale. Gli aiuti sono erogati in regime di aiuti di stato "de minimis" non agricolo (regolamento UE n. 1407/2013) e di esenzione agricolo (articolo 24 del regolamento UE n. 702/2014) e non agricolo (articoli 19-22-31 del regolamento UE n. 651/2014). La Posizione di Funzione Competitività e multifunzionalità dell'impresa agricola e SDA di Fermo - Ascoli Piceno emette il bando, raccoglie le domande di aiuto, esegue i controlli amministrativi e tecnici di ammissibilità avvalendosi della valutazione di apposita commissione istruttoria a supporto del responsabile di procedimento, approva i progetti, individua il sito del Polo e il soggetto gestore, concede e liquida gli aiuti, eventualmente anche in via anticipata se richiesto dal beneficiario, fino al massimo del 70% dell'aiuto totale concesso, previa presentazione di garanzia fidejussoria pari al 110% dell'anticipo richiesto. Legge regionale n. 49/2013, art. 22 - DGR n. 873/14, n. 389/2015 e n. 81/2017. Bando regionale approvato con decreto n. 306 del 30 luglio 2014 e n. 223 del 6 ottobre 2016 Domanda di pagamento
Canoni Viabilità Richiesta pagamento dei canoni da accessi stradali e pubblicità e verifica relativi versamenti D.Lgs. n. 285 30/04/1992 artt. 23, 23 e 27, D.P.R. n. 495/1992 art. 53, D.Lgs. n. 507/93 art. 38 (TOSAP), D.Lgs. n. 446/97 art. 63 (COSAP) e L.R. 35/2016 art. 7
Censimento ed elenco regionale dei locali storici in attività da almeno quarant'anni La Regione, sentita la competente commissione consiliare, adotta un regolamento per la definizione dei criteri per l'individuazione e censimento dei locali storici. I Comuni e le associazioni aventi finalità di tutela del patrimonio culturale, turistico e sociale, trasmettono alla Giunta regionale l'elenco degli esercizi storici. La Giunta regionale istituisce l'elenco regionale dei locali storici e definisce i criteri e le modalità per la sua tenuta ed aggiornamento periodico. art. 2 legge regionale n. 5 del 2011 così come modificata dalla l.r. n. 39/2013
Comunicazione annuale di attrezzature e prezzi per attività di Bed and Breackfast
Comunicazione avvio attività di Bed and Breackfast
Comunicazione avvio attività di Bed and Breackfast
Comunicazione avvio attività di Bed and Breackfast
Comunicazione avvio attività di Bed and Breackfast
Comunicazione avvio attività di Bed and Breackfast
Comunicazione avvio attività di Bed and Breackfast
Comunicazione avvio attività di Bed and Breackfast
Comunicazione avvio attività di Bed and Breackfast
Comunicazione avvio attività di Bed and Breackfast
Comunicazione avvio attività di Bed and Breackfast
Comunicazione avvio attività di Bed and Breackfast
Comunicazione avvio attività di Bed and Breackfast
Comunicazione avvio attività di Bed and Breackfast
Comunicazione avvio attività di Bed and Breackfast
Comunicazione Cessazione attività per strutture ricettive all'aria aperta

Pagina 10 di 41 per un totale di 801 tipologie di proceidmento