Controlli sulle Imprese


Nome Descrizione Riferimenti normativi
Autorizzazione taglio legna in zona soggetta a vincolo idrogeologico nulla osta al taglio di pianti e taglio boschivo in area soggetta a vincolo idrogeologico L.R. 6/2005 ART 10
Autorizzazione taglio legna in zona soggetta a vincolo idrogeologico nulla osta al taglio di pianti e taglio boschivo in area soggetta a vincolo idrogeologico L.R. 6/2005 ART 10
Autorizzazione taglio legna in zona soggetta a vincolo idrogeologico nulla osta al taglio di pianti e taglio boschivo in area soggetta a vincolo idrogeologico L.R. 6/2005 ART 10
Autorizzazione Trasporti Eccezionali Esame delle richieste ed eventuale autorizzazione di trasporti eccezionali, a seguito di nulla osta dell'ANAS, con emissione di apposito decreto. Codice della strada (D.Lgs. n. 285/1992), D.P.R. 16/12/1992 n. 495
Autorizzazione Trasporti Eccezionali Agricoli Esame delle richieste ed eventuale autorizzazione di trasporti eccezionali, a seguito di nulla osta dell'ANAS, con emissione di apposito decreto. Codice della strada (D.Lgs. n. 285/1992), D.P.R. 16/12/1992 n. 495
Autorizzazione Unica impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili - BIOMASSE / BIOGAS Rilascio dell'Autorizzazione Unica necessaria a realizzare ed esercire impianti di produzione di energia elettrica da BIOMASSE / BIOGAS, ai sensi dell'art. 12 del D.Lgs. 387/03 D. Lgs. 387/2003
Autorizzazione Unica impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili - EOLICO Rilascio dell'Autorizzazione Unica necessaria a realizzare ed esercire impianti di produzione di energia elettrica da fonte eolica, ai sensi dell'art. 12 del D.Lgs. 387/03. D. Lgs. 387/2003, art. 12
Autorizzazione Unica impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili - IDROELETTRICO Rilascio dell'Autorizzazione Unica necessaria a realizzare ed esercire impianti di produzione di energia IDROELETTRICA, ai sensi dell'art. 12 del D.Lgs. 387/03 D. Lgs. 387/2003
Autorizzazioni al trasporto trasfrontaliero di rifiuti e procedere attuative connesse Il Ministero dell'Ambiente trasmette i documenti di notifica che a richiesta si rilasciano alle ditte. Le singole ditte presentano le notifiche che la Regione, previa verifica, trasmette in copia alle varie autorità estere coinvolte. L’autorità di destinazione fa una prima verifica della notifica e se questa ha esito positivo rilascia una conferma di ricevimento. A questo punto tutte le autorità coinvolte possono rilasciare l’autorizzazione. Regolamento CE 1013/06; Convenzione di Basilea del 22/3/89; Decisione OCSE C(2001)107; Regolamento CE 1418/2007; Dec. Leg. 152/06 art. 195, comma 5; DM 370/98; Delibera di GR n. 88 del 25/1/99; Delibera GR 1871 del 16/11/09; Deliberazione del Consiglio Regionale 77/2013. Regolamento UE n. 660/2014 recepito con DM 22 dicembre 2017 (SISPED).
Autorizzazioni e Concessioni per 1) Lavori stradali, 2) Occupazioni Stradali, 3) Pubblicità su strada, 4) Manifestazioni e 5) Altre autorizzazioni. Esame delle richieste ed eventuale autorizzazione e concessioni, a seguito di nulla osta dell'ANAS, con emissione di apposito decreto. Codice della strada (D.Lgs. n. 285/1992), D.P.R. 16/12/1992 n. 495
Avviso pubblico per la concessione di contributi per la limitazione dell'impatto della pesca sull'ambiente marino e adeguamento della pesca alla protezione della specie. Reg.(UE) 508/2014 Art.38 - PO FEAMP 2014-2020, MISURA 1.38. Concessione di contributi, su istanza di proprietari di imbarcazioni da pesca, pescatori che possiedono attrezzature da sostituire, organizzazioni di pescatori riconosciute, finalizzata alla riduzione dell'impatto della pesca sull'ambiente marino e facilitare la transizione verso uno sfruttamento sostenibile delle risorse biologiche marine vive. Reg (UE) n. 1380/2013, art. 2, paragrafo 2; Reg (UE) n. 1224/2009; Reg (UE) n. 508/2014, art. 38; PO FEAMP 2014-2020; DGR n. 782 del 18/07/2016; DDPF ECI n. 12 del 25/07/2017 di approvazione dell'avviso pubblico; DDPF ECI n. 15 del 03/08/2017 di rettifica dell'avviso pubblico .
Avviso pubblico per la concessione di contributo - Reg (UE) n.508/2014, art.42 - PO FEAMP 2014/2020, priorità 1 - DGR 782 del 18/07/2017 - Mis. 1.42 Valore aggiunto, qualità dei prodotti e utilizzo delle catture indesiderate. Procedimento ad istanza di parte volto alla concessione di contributi per il finanziamento di investimenti destinati ad aumentare il valore aggiunto del pescato mediante investimenti a terra (volti in particolare alla vendita diretta). PO FEAMP 2014-2020, priorità 1; REG (UE) n. 508/2014, art. 42; D.G.R. n. 782 del 18/07/2016; D.G.R. n. 312 del 3.04.2017; DDPF ECI n. 20 del 5.10.2017.
Avviso pubblico per la presentazione delle domande di contributo – Reg. (UE) n. 508/2014, art 69 - PO FEAMP 2014/2020, priorità 5: “Trasformazione dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura” – DGR n. 782 del 18/07/2016 Concessione di contributi, a seguito di domanda presentata da micro, piccole e medie imprese, per investimenti nel settore della trasformazione dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura al fine di promuovere la competitività delle piccole e medie imprese. Reg. (UE) n. 1303/2013; Reg. (UE) n. 508/2014, art 69; PO FEAMP 2014/2020, priorità 5; DGR n. 782 del 18/07/2016.
Avviso pubblico per la presentazione delle domande di contributo per investimenti produttivi destinati all'acquacoltura -Reg. (UE) n. 508/2014, art 48. -misura 2.48 del PO FEAMP 2014/2020, priorità 2.– DGR n. 782 del 18/07/2016. Concessione contributi per promuovere investimenti nel settore dell’acquacoltura, per incentivare la competitività delle piccole e medie imprese nel settore dell’acquacoltura nel rispetto della seconda priorità UE consistente nel favorire un’acquacoltura sostenibile sotto il profilo ambientale, efficiente in termini di risorse, innovativa, competitiva e basata sulle conoscenze. Art. 48 del Reg UE n. 508/2014; PO FEAMP 2014-2020; DGR 782 del 18/07/2016; DDPF CPS 21 del 24/03/2017 rettifica avviso pubblico e proroga dei termini per la presentazione delle domande di contributo.
Bando selezione soggetto gestore del Polo Enogastronomico Regionale, individuazione del sito e selezione progetto promozione e informazione per valorizzazione cultura enogastronomica regionale Concessione di contributi alle imprese finalizzato alla realizzazione Polo Enogastronomico Regionale e allo svolgimento di attività di promozione e informazione per valorizzazione cultura enogastronomica regionale. Gli aiuti sono erogati in regime di aiuti di stato "de minimis" non agricolo (regolamento UE n. 1407/2013) e di esenzione agricolo (articolo 24 del regolamento UE n. 702/2014) e non agricolo (articoli 19-22-31 del regolamento UE n. 651/2014). La Posizione di Funzione Competitività e multifunzionalità dell'impresa agricola e SDA di Fermo - Ascoli Piceno emette il bando, raccoglie le domande di aiuto, esegue i controlli amministrativi e tecnici di ammissibilità avvalendosi della valutazione di apposita commissione istruttoria a supporto del responsabile di procedimento, approva i progetti, individua il sito del Polo e il soggetto gestore, concede e liquida gli aiuti, eventualmente anche in via anticipata se richiesto dal beneficiario, fino al massimo del 70% dell'aiuto totale concesso, previa presentazione di garanzia fidejussoria pari al 110% dell'anticipo richiesto. Legge regionale n. 49/2013, art. 22 - DGR n. 873/14, n. 389/2015 e n. 81/2017. Bando regionale approvato con decreto n. 306 del 30 luglio 2014 e n. 223 del 6 ottobre 2016 Domanda di pagamento
Campagna di informazione a carattere istituzionale riguardante i criteri e le procedure offerte dalla normativa in tema di ricostruzione nei territori colpiti dal sisma 2016/2017 ed altre campagne istituzionali. Interventi della Giunta regionale per pubblicizzare la normativa ed i criteri di ottenimento dei contributi bell'ambito delle procedure offerte in tema di assetto del territorio e la ricostruzione nei territori colpiti dal sisma 2016/2017, nonchè per favorire l'edilizia abitativa e altri Art.36 comma 2 lett . a) del d. lgs . n° 50/2 016 per importi adeguatamente motivati entro l'importo di quarantamila, art. 17 comma 1 lett . b) del d. lgs . n ° 50/2016 per le emittenti televisive e l' art. 63 comma 2, lett. b) del decreto legislativo n° 50/2016 per il possesso dei requisiti in esclusiva
cancellazione dall'Albo delle imprese artigiane della provincia di Ancona I soggetti non più in possesso dei requisiti di iscrivibilità all'albo delle imprese artigiane di cui alla Legge 443/85 e/o che intendono cessare la propria attività sono tenuti a comunicare la cessazione e il venir meno dei requisiti entro 30 giorni dal verificarsi dell'evento, alla struttura regionale competente in materia di artigianato L. 443/85 - L.R. 20/03 ART. 28 co. 2 - D.G.R. 1073/2011
Cancellazione dall'albo delle imprese artigiane della provincia di Ascoli Piceno I soggetti non più in possesso dei requisiti di iscrivibilità all'albo delle imprese artigiane di cui alla Legge 443/85 e/o che intendono cessare la propria attività sono tenuti a comunicare la cessazione e il venir meno dei requisiti entro 30 giorni dal verificarsi dell'evento, alla struttura regionale competente in materia di artigianato L. 443/85 - L.R. 20/03 ART. 28 co. 2 - D.G.R. 1073/2011
cancellazione dall'Albo delle imprese artigiane della provincia di Fermo I soggetti non più in possesso dei requisiti di iscrivibilità all'albo delle imprese artigiane di cui alla Legge 443/85 e/o che intendono cessare la propria attività sono tenuti a comunicare la cessazione e il venir meno dei requisiti entro 30 giorni dal verificarsi dell'evento, alla struttura regionale competente in materia di artigianato L. 443/85 - L.R. 20/03 ART. 28 co. 2 - D.G.R. 1073/2011
cancellazione dall'Albo delle imprese artigiane della provincia di Macerata I soggetti non più in possesso dei requisiti di iscrivibilità all'albo delle imprese artigiane di cui alla Legge 443/85 e/o che intendono cessare la propria attività sono tenuti a comunicare la cessazione e il venir meno dei requisiti entro 30 giorni dal verificarsi dell'evento, alla struttura regionale competente in materia di artigianato L. 443/85 - L.R. 20/03 ART. 28 co. 2 - D.G.R. 1073/2011

Pagina 10 di 52 per un totale di 1030 tipologie di proceidmento